Italiano English Français Romanian Olandese Polacco

Storia del Jeans





La Cia Diffusione Abbigliamento
Pagina principale
L'azienda
La storia della Cia Diffusione abbigliamento
Contatta il negozio a te più vicino
Come raggiungere i negozi
Servizi per la clientela
Lavora con noi
Loghi e pubblicità
Area riservata
Prodotti ESPERIENZA
Canale formazione
Responsabilità sociale d'impresa

Ufficio reclami

Reparti abbigliamento
Abbigliamento Uomo
Abbigliamento Donna
Abbigliamento Giovani
Abbigliamento Bambino
Puericultura
Abbigliamento Sportivo
Abbigliamento Tecnico
Abbigliamento Taglie forti
Biancheria per la casa
Abbigliamento intimo
Abbigliamento intimo premaman
Accessori pelletteria
Abbigliamento da lavoro e antinfortunistica

Cia nella società
News ed iniziative della Cia Diffusione
A difesa dei consumatori

Utilità
Manuale sulla lana
Tesine abbigliamento
The Antique Handblocks
Links utili
Links amici
Dizionario sul lavaggio
Dizionario tecnico


Cia servizi srl, la nuova
società che offre la consulenza strategica e la creatività necessari per potersi imporre sul mercato

www.ciaservizi.com
 


Franchising Cia Diffusione Abbigliamento

<< Torna all'indice <<

Storia del Jeans
  di Poli Sara e Elisa D’Ascensi
 

Contrariamente a quello che si pensa i blue-jeans non sono un'invenzione americana ma bensì sono originari dell'Italia più precisamente di Genova. Proprio dalla città di Genova deriverebbe secondo alcuni il nome jeans, frutto di una contrattura dell'espressione blu di Genes, blu di Genova.
I mercati del medioevo conoscevano già il tessuto proveniente da Nimes, di cui deriva appunto la denominazione di denim. La città di Nimes diventò uno dei luoghi più attivi di tutta Europa nella produzione di tessuti, l'intera zona si trasformò in una famosa area di produzione tessile grazie alla sargia di Nimes.

Jeans

Questa sargia usata per la fabbricazione delle vele d’imbarcazione e per i teloni da copertura, è molto ricercata, si tratta di cotone molto resistente anche per il suo intreccio diagonale, duraturo e facilmente lavabile, dal caratteristico colore blu dovuto alla tintura del filo di ordito con l’indigo.
Il jeans nasce nella seconda metà del 500 e in seguito per la sua resistenza, il tessuto venne utilizzato per confezionare i pantaloni da lavoro dei “camalli” cioè gli scaricatori di porto.
Nell'800 con le grandi emigrazioni la tela blu di Genova arrivò in America dove venne utilizzata per realizzare gli abiti per i minatori in California. Fu proprio in America che il nome cambiò da blu Genes in francese, a blue-jeans.
A partire dal 1850 il termine jeans viene utilizzato per disegnare non il tessuto ma un modello di pantaloni. Saranno i cercatori d'oro ad utilizzare per primi pantaloni a cinque tasche prodotti a San Francisco da Levis Strass.
I cow-boys del Far West utilizzarono il tessuto per confezionare oltre ai pantaloni anche le robuste giacche con molte tasche.
Nel 1920 si introducono in America non più solo come capo da lavoro, ma diventano anche capo militare.
Il jeans arriva in Europa con le truppe statunitensi di liberazione nella seconda guerra mondiale. Da allora la storia continua ed è a lungo segnata dal proibizionismo americano di indossarli a scuola e allo stesso tempo da un'ampia utilizzazione cinematografica da parte di attori come Marlon Brando e James Dean.
Negli anni ‘50 saranno riammessi nelle università ai tempi di Bob Dylan.
Negli anni ‘60 diventano la divisa dei giovani, sono il denominatore che accomuna i giovani ribelli. La contestazione giovanile adotta il mitico modello 501 a divisa collettiva, simbolo delle ideologie rivoluzionarie del ‘68 contro il perbenismo conservatore borghese, diventa inoltre il segno dell’antimoda. Ricominciamo da qui per capire come mai il jeans è entrato nella moda.

Il Jeans oggi
Il jeans a partire dal ‘68 diventa il primo capo globalizzato e ancora oggi nel primo decennio del 2000 è l'unico capo d'abbigliamento globalizzato. Per il jeans si tratta di una globalizzazione totale. Abbigliamento differenziato per classe sociale, per età, per sesso, il jeans è diventato un capo unico uguale per tutti, e per alcune culture nazionali diventa l’abbigliamento trans-nazionale per eccellenza.
Il tessuto povero, forte, è legato al duro lavoro, è un tessuto che riecheggia il coraggio, la tenacia americana verso la conquista della sua democrazia.
Un capo che si lascia strappare, rammendare, arricchire seguendo un pensiero personale, lasciandolo però immutato nella sua forma essenziale.
La storia del jeans, è sottolineata dal fatto che la tela è modificabile sul corpo, quanto più è stretto rigidamente al corpo tanto più ne prende la sua forma.
Il jeans simbolo di ribellione giovanile diventa simbolo della trasgressione sessuale. E’ il primo universale capo unisex. Tanto stretto al corpo, è come una seconda pelle per chi lo indossa.
La sua storia non finisce qui, ma continua con il suo ingresso nel mondo della moda. Compare griffato con qualche piccola variazione, seguendo le fantasie degli stilisti.
Si ritrova contaminato da nuove tecnologie di lavaggi, o dall'utilizzo accanto al cotone di fibre costose, arricchito da cristalli e da pietre.

A ciascuno il suo lavaggio
Pietra pomice, sabbiatura, carteggiatura e smeragliatura. E poi invecchiamento, colorazione con enzimi, a mano o a macchina. Insomma non c'è pace per il jeans strapazzato per dovere di moda.
Se una volta esisteva il jeans chiaro, scuro, stone washed (lavato con pietra pomice), oggi le cose sono cambiate notevolmente.
Compare sulla scena la parola lavaggio che identifica la tipologia di colorazione e di invecchiamento (vintage) di un jeans.
Ogni modello viene studiato per essere realizzato in lavaggi diversi più o meno invecchiati, strappati e consumati. Il tradizionale colore denim spesso si mischia con enzimi variopinti tra il verde, il rosso, il giallo o il ruggine, dando al tessuto un aspetto inedito.
Ma la vera novità è nel trattamento di invecchiamento. Al lavaggio con pietra pomice si aggiungono delle tecniche come la sabbiatura, la carteggiatura e la smeragliatura.
L’obbiettivo è prestare attenzione alla qualità del prodotto che si vuole ottenere. Il procedimento con il quale si “allestisce” un jeans è semplice ma allo stesso tempo di grande innovazione.
Il capo viene prima lavato o decolorato poi ricolorato con un enzima che può essere di diverso colore e infine trattato con la carta vetrata, naturalmente quest’ ultimo passaggio viene eseguito a mano. Così ogni capo è unico, irriproducibile, diverso dagli altri.

Curiosità
Presto avremo i jeans che rispettano l'ambiente. Un’equipe di genisti in California ha messo a punto una tintura eco-compatibile capace di donare il classico colore blu ai jeans.
Attraverso un batterio Escherichia Coli geneticamente modificato, la grande industria potrebbe così abbandonare il vasto impiego di sintetici ritenuti molto dannosi per l'ambiente e la salute.
Un’altra azienda statunitense presenta il modello P0 (P zero) realizzato in tessuto Denim con 70% cotone e 30% klevlar, un materiale dalle proprietà eccezionali, cinque volte più forte dell'acciaio che permette la realizzazione di tessuti estremamente leggeri e duraturi.
Il klevlar è resistente ai tagli, alle rotture, non si deforma e non si restringe.
Si tratta infatti di un prodotto da collezione, saranno prodotti solo 1000 paia distribuiti nei più selezionati punti vendita nel mondo. In Italia ne arriveranno solo 20 paia.
 

Tabella comparativa delle misure dei jeans

misure americane misure italiane
26 40
28 42
30 44
32 46
34 48

Come si può ben vedere le misure americane per arrivare a quelle italiane bisogna aggiungere 14, ho fatto questo piccolo schema perché in genere nei jeans non si possono trovare entrambe le misure, e non tutti le conoscono.

   
 
Cia Diffusione Abbigliamento P.I. 01352470569 - Privacy
Abbigliamento a: Roma - Viterbo - Grosseto - Terni - Orvieto - Civitavecchia
Siti internet - Grafica - Software personalizzato - Roma Viterbo Italia